gaitasanpietro.com
   home     la gaita     i mestieri     il mercato     la gastronomia     contatti     forum
       scriptorium     ars tinctoria     ars spetialis

Ars Tinctoriae

Nel locale adibito a bottega del tintore vengono rappresentate tutte le fasi previste per la tintura di filati e tessuti: dalla preparazione dei coloranti e mordenti, alle diverse procedure per la colorazione fino al candeggio ed all’asciugatura dei prodotti tinti. Il procedimento, comunemente utilizzato per la tintura, consiste nello sciogliere il colorante in acqua e solventi in modo da ottenere un bagno di tintura privo di grumi che altrimenti si possono depositare sulla stoffa. Le fibre vengono immerse in questi bagni fino a che i colori non le penetrano completamente, poi fatte asciugare su appositi cavalletti o pertiche appese sugli stessi bagni in modo da recuperare il colore in eccesso. Prima o dopo il bagno di tintura, la stoffa viene trattata con delle sostanze dette mordenti che aiutano a fissare il colore alla fibra. La durata dell’immersione, i lavaggi e le operazioni di mordenzatura variano a seconda che si tratti di fibra in fiocco, in filato o tessuto e in base al tipo di colore che si vuole ottenere. Tre sono i procedimenti di tintura
Strettamente attinenti all’epoca sono gli strumenti ed utensili necessari nelle diverse fasi di lavorazione, quali bacinelle di rame per svuotare le vasche, bastoni a semicerchio per mescolare i colori o piccole palette per misurare gli ingredienti necessari al bagno di tintura.




       
     
               




 COPYRIGHT NOTICE
 Tutte le immagini, i testi, i commenti e quanto appare sul sito è di proprietà dei rispettivi autori. 
 E' vietata ogni tipo di riproduzione anche solo parziale dei contenuti sotto copyright.
Grafica e webmastering: Gaita San Pietro